Home / Offerte salute e bellezza / Whitening, dentifrici sbiancanti troppo abrasivi: Salute e bellezza

Whitening, dentifrici sbiancanti troppo abrasivi: Salute e bellezza

Il nostro Voto
Vota articolo
[Media: 0]

Whitening, dentifrici sbiancanti troppo abrasivi: Salute e bellezza

Non promettono solo di prevenire carie e tartaro. Assicurano un sorriso più splendente, e, dicono alcuni esperti, se sono davvero di buona qualità possono completare la pulizia dei denti fatta dal dentista e contribuire a sbiadire le macchie provocate dagli alimenti.

Attenzione però: a dispetto del nome,“whitening”, i dentifrici sbiancanti non possono rendere bianchi denti che in origine non lo sono.

Il risultato è condizionato dalla tonalità naturale della dentina: solo lo sbiancamento vero e proprio operato dal dentista può donare ai nostri denti un candore che in natura non ci è stato dato.

E non è questo il solo limite dei dentifrici “whitening”.

Alcuni infatti sono troppo abrasivi, e a lungo andare possono fare più male che bene.

Ci sono fattori da non sottovalutare: per esempio, un pH acido, dunque inferiore a 7, può avere effetti deleteri su denti e gengive.

Per queste ragioni il mensile dei consumatori francesi 60 millioni di consommateuri ha messo alla prova del laboratorio diversi dentifrici, testandone pH, capacità sbiancante e potere abrasivo.

Nessuno, tra i prodotti testati, è risultato essere troppo acido. Sono state invece molto diverse le performance rispetto alla capacità di rendere più chiara e luminosa la superficie dei denti.

Tra dentifrici che hanno ricevuto il punteggio migliore c’è Signal “White now” della Unilever, che nel marchio e nei colori ricorda in modo impressionante il nostro Mentadent “White now”, commercializzato dalla stessa multinazionale.

L’effetto promesso in pubblicità non arriva a “ottimo”, ma riceve un confortante giudizio di “buono”, e altrettanto per il potere pulente.

Non è andata così bene agli altri dentifrici, almeno ai due presenti sul mercato italiano.

Sia il Colgate Max White che l’Aquafresh White e Brilliant raggiungono a stento la sufficienza nel giudizio complessivo.

In entrambi l’efficacia sbiancante è stata bollata come insufficiente, e, peggio, il potere abrasivo è stato valutato eccessivo sulla dentina, tale da danneggiarla in caso di uso prolungato.

Il potere pulente è risultato “buono” per entrambi.

Ma è una magra consolazione, visto che tutti i prodotti testati hanno ottenuto lo stesso giudizio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.