Home / Offerte salute e bellezza / Pattinaggio su ghiaccio in città: sport e salute

Pattinaggio su ghiaccio in città: sport e salute

Il nostro Voto
Vota articolo
[Media: 0]

Pattinaggio su ghiaccio in città: sport e salute

Le feste natalizie oltre ad essere sinonimo di sfrenati shopping e pantagrueliche mangiate, fortunatamente per molti diventano anche un raro e quanto mai atteso momento per abbandonare poltrona e telecomando e dedicarsi a un po’ di sana e divertente attività fisica.
E, in questo particolare periodo dell’anno, lo sport senza dubbio più gettonato è il pattinaggio su ghiaccio.

Non c’è città da New York a Roma, da Pechino a Barcellona che non si attrezzi nei suoi palazzetti del ghiaccio.

Piste di pattinaggio artificiali sempre super affollate stanno sorgendo ovunque come funghi.

E vi troviamo intere famiglie, dal nonno al nipotino, che più o meno elegantemente scorazzano sulla pista ghiacciata.

Ma attenzione, per coloro che per la prima volta infilano un paio di pattini, sono forse utili alcuni consigli e accorgimenti affinché le cadute e scivoloni, all’inizio per altro inevitabili, si riducano al minimo.

A Mantova Matilde Ciccia, campionessa della danza su ghiaccio in Italia e una delle migliori interpreti in Europa negliAnni 70, oltre che ideatrice e organizzatrice di piste «natalizie», sino al 9 gennaio la si può trovare in Piazza Castello del Palazzo Ducale di Mantova con spettacoli, esibizioni, corsi mattutini gratuiti e giochi di animazione per i più giovani, ci dà qualche consiglio? «Prima di riuscire a muoversi con una certa sicurezza ed eleganza si devono superare alcune tappe obbligatorie, anche se il pattinaggio è uno sport per tutti e, al contrario di quanto si pensa, poco pericoloso: in caso di cadute si scivola semplicemente sul ghiaccio.

Occorre solo superare la paura iniziale della caduta, ed una volta guadagnata un po’ di confidenza, si impara a non farsi male. Meglio utilizzare un abbigliamento adeguato con ginocchiere, paragomiti e guanti imbottiti e usare pattini allacciandoli strettamente sulla caviglia.

A questo punto bisogna prendere confidenza con l’attrezzo.

Per i principianti stare in equilibrio sulle lame non è facile.

«Per familiarizzare è bene iniziare facendo piccoli passi e appoggiandosi con la mano alla balaustra.

Nel momento in cui ci si sente sicuri, si può lasciarla e procedere, marciando e riunendo i piedi che vanno tenuti paralleli, con le ginocchia piegate in avanti, verso la punta dei pattini, il busto e la testa dritti con lo sguardo rivolto in direzione di marcia, pancia in dentro e glutei contratti, braccia distese all’infuori.

In seguito, ogni 3-4 passi si solleva alternativamente la gamba destra e la sinistra, allungando progressivamente il tempo in cui si resta in equilibrio su una sola gamba, distendendo contemporaneamente all’indietro l’altra sollevata.

Con questo movimento si prova la prima emozione dello scivolamento.

Ora siamo pronti per apprendere la tecnica vera e propria».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.