Home / Offerte banche e investimenti / Mutui: portabilità in ritardo e indennizzo

Mutui: portabilità in ritardo e indennizzo

Il nostro Voto
Vota articolo
[Media: 0]

Mutui: portabilità in ritardo e indennizzo

La vecchia banca ritarda il trasferimento del mutuo? Il mutuatario ha diritto a ottenere un un indennizzo adeguato. La legge 102 del 3 agosto 2009 stabilisce che se la procedura di portabilità del finanziamento verso il nuovo istituto dura più di 30 giorni il cliente ha diritto al risarcimento in misura all’1% del valore del mutuo “per ciascun mese o frazione di ritardo”.

La domanda deve essere presentata alla banca cedente, il “vecchio” istituto, e il termine dei trenta giorni decorre “dalla data della richiesta da parte della banca cessionaria alla banca cedente dell’avvio delle procedure di collaborazione interbancaria ai fini dell’operazione di surrogazione”.

La norma però sembra poco applicata. Lo denuncia il Centro di ricerca e tutela dei consumatori e utenti di Trento ( Crtcu) dopo aver ricevuto molte segnalazioni di utenti, “vittime” dell’ostruzionismo degli istituti di credito, che lamentano il mancato risarcimento previsto dalla legge 102. In caso di contenzioso, l’associazione trentina consiglia di rivolgersi all’Arbitro bancario finanziario (www.arbitrobancariofinanziario. it).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.