Home / Offerte banche e investimenti / Chiedere un prestito per andare in vacanza

Chiedere un prestito per andare in vacanza

Il nostro Voto
Vota articolo
[Media: 0]

Chiedere un prestito per andare in vacanza

Gli italiani vanno in vacanza a qualsiasi costo, se non hanno i soldi se li fanno prestare.

Potrebbe essere questa la sintesi frettolosa che viene fuori da un numero della ricerca di prestiti.it: 35 mila persone hanno chiesto un prestito per andare in vacanza.

Che finanziamento occorre? Tra i 4 e gli 8 mila euro. Da restituire di solito in tre anni, ma si può fare in meno tempo o anche in molto di più. Ovviamente più la restituzione va per le lunghe, più rate dovranno essere pagate e l’interesse intanto corre e aumenta l’esborso finale.

Le donne chiedono un po’ meno soldi rispetto agli uomini: 7 mila euro invece di 8 mila. I richiedenti hanno in media circa 40 anni. Curiosamente sono in cima alla richieste gli abitanti di Sicilia e Sardegna, due delle nostre destinazioni turistiche più note. Ma facciamo una riflessione a mente fredda: 35 mila italiani che si indebitano per andare in vacanza in realtà non sono moltissimi, parecchio meno dello 0,1% della popolazione.

Cosa devono attendersi quando chiedono un prestito di questo genere? Ho simulato di essere un dipendente pubblico, nato nel 1971, di sesso maschile. Ho chiesto un finanziamento di 5 mila euro da restituire in 36 mesi. Senza assicurazione.

Le proposte che ho ricevuto sono molto varie e differenti, quindi indagate con calma se proprio avete deciso il gran passo. I 5 mila euro possono diventare da un minimo di 5580 con una rata mensile da 155 euro e un Taeg del 7,43% (IBL Banca); fino a un massimo di 6060 euro con rata da 166 euro e Taeg del 13,76% (Avalon).

Riflessione: probabilmente molti, considerando l’età media dei finanziati, ha deciso di pagarsi il viaggio di nozze. Non è una grande idea considerando che sette giorni ai Caraibi possono costare più di tre anni di duri sacrifici e rate. E magari quella settimana piove tutto il tempo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.